Chi deve registrarsi?

A partire dal 2 novembre 2018,i portatori di interessi particolari sono tenuti ad iscriversi al Registro per incontrare i vertici politici e amministrativi del Ministero.

L’agenda degli incontri del Ministro viene aggiornata con cadenza bimestrale.

Per ciascuno appuntamento presente in agenda saranno indicati:

  • La data e il luogo dell’incontro
  • I nomi dei partecipanti
  • I motivi dell’incontro.

Non sono tenuti all’iscrizione enti pubblici, associazioni, altri soggetti rappresentativi di enti pubblici, partiti politici, esponenti di organizzazioni sindacali e imprenditoriali, quando la loro attività si svolge nell'ambito di processi decisionali che si concludono mediante protocolli d'intesa e altri strumenti di concertazione.

 

Definizioni

Gli “organi di indirizzo politico-amministrativo”, a cui si riferisce il Registro, sono il Ministro, i Vice Ministri, i Sottosegretari di Stato, i Responsabili degli Uffici di diretta collaborazione del Ministro e i titolari di incarichi dirigenziali di livello generale (Direttori Generali).

Si definiscono “Portatori di interessi particolari” i soggetti, le persone fisiche o giuridiche, che rappresentano professionalmente presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, interessi, anche di natura non economica, al fine di influenzare i processi decisionali pubblici in atto, ovvero di avviarne di nuovi. Nell’espressione sono compresi anche coloro che, pur operando nell’ambito o per conto di organizzazioni il cui scopo sociale prevalente non è l’attività di rappresentanza di interessi particolari, svolgono per conto dell’organizzazione di appartenenza, l’attività di rappresentanza di interessi particolari.

Per “Attività di rappresentanza di interessi” si intende ogni attività svolta da persone, organizzazioni, associazioni, enti, imprese o società, attraverso proposte, richieste, suggerimenti, studi, ricerche, analisi e qualsiasi altra iniziativa o comunicazione orale e scritta, anche trasmessa per via telematica, intesa a perseguire interessi di rilevanza non generale nei confronti del Ministero.

I “Processi decisionali pubblici” sono quei procedimenti di formazione dei disegni di legge, decreti ministeriali di natura regolamentare per i quali è prevista, secondo la normativa vigente, l’Analisi d’Impatto Regolamentare (AIR).

L’"Influenza diretta" è quella esercitata mediante contatto diretto o comunicazione diretta con gli organi di indirizzo politico-amministrativo di ciascun Ministero.

Mentre l’"Influenza indiretta" prevede il ricorso a vettori intermedi come i media, l'opinione pubblica, oppure conferenze o avvenimenti sociali afferenti alle attività del Ministero.

 

Iscrivere il vostro organismo Aggiornate la vostra registrazione